• Ingrandisci carattere
  • Dimensione predefinita
  • Riduci carattere
Home

I nomi delle cartelle principali sono in Inglese (es.: "Inbox")

E-mail Stampa PDF

In situazioni di utilizzo di Microsoft Outlook con Exchange Server, nonostante Outlook sia in lingua italiana, i nomi delle cartelle "standard" per alcuni utenti sono in Inglese anzichè in Italiano. Ad esempio:

  • "Inbox" anzichè "Posta in Arrivo"
  • "Outbox" anzichè "Posta in Uscita"
  • "Sent Items" anzichè "Posta inviata"
  • ecc...

Il motivo è presto spiegato.
Il nome delle cartelle viene memorizzato all'interno della mailbox sul server, e viene creato quando il primo client (ad esempio Outlook) accede alla mailbox successivamente alla sua creazione. In questa situazione viene rilevata l'impostazione di linguaggio del client, e viene passato il relativo codepage alla mailbox affinchè vengano applicati i nomi coerenti con quel linguaggio. Se il codepage rilevato è quello italiano ("IT") allora le cartelle assumeranno un nome in lingua italiana. Se il client verrà rilevato in lingua inglese (oppure non potrà essere rilevato) allora i nomi applicati alle cartelle saranno in Inglese.
Ai successivi accessi alla mailbox il nome non verrà più cambiato,e dovrà essere resettato (vedere più sotto) o modificato manualmente. Possono avere influenza sulla determinazione del codepage:

  • il linguaggio dell'applicazione client;
  • il Regional Setting ("Pannello di Controllo -> Impostazioni Internazionali") dell'account di Windows utilizzato;
  • il linguaggio delle DLL delle MAPI installate sul computer dal quale si effettua il primo collegamento.

In alcuni casi sono state rilevate "interferenze" da parte di alcuni antivirus nella determinazione del codepage corretto.
Non ha invece influenza il linguaggio o il sistema operativo su cui è installato Exchange Server.

L'impatto ha più rilevanza "estetica" che formale: il funzionamento è garantito a prescindere dal nome delle cartelle.

Come intervenire

Tramite alcuni client è possibile variare direttamente il nome delle cartelle (ad esempio Exchange Client), mentre con altri (ad esempio Outlook a partire da Outlook2000) non è possibile cambiare il nome delle cartelle principali. In questo caso è opportuno utilizzare un programma client diverso.

A partire da OutlookXP esiste la possibilità di lanciare l'applicativo con una speciale opzione che ha l'effetto di "sincronizzare" il nome delle cartelle coerentemente con il linguaggio utilizzato dal client:
  /resetfoldernames

Per utilizzare questa opzione, aprire in Windows la finestra "Start -> Esegui..." e digitare:

 Outlook.exe /resetfoldernames

 

Maggiori dettagli sulle opzioni di avvio di Outlook (da riga di comando) sono disponibili in questo articolo su OfficeOnline:

http://office.microsoft.com/assistance/preview.aspx?AssetID=HP010031101040&CTT=4
"Opzioni della riga di comando"

Per maggiori approfondimenti si può consultare questo articolo di Knowledge Base in inglese:

http://support.microsoft.com/default.aspx?scid=kb;en-us;188856
"XCLN: Names of Mailbox Folders Appear in Different Languages"

 

Nota aggiuntiva: quanto sopra espresso è valido per le cartelle standard contenute nella mailbox sul server Exchange (ad esempio la "Posta in Arrivo" o "Posta inviata"). Diverso è il contesto di cartelle contenute in un file di cartelle personali (.PST) che invece è salvato localmente (e modificabile in qualsiasi momento manualmente) e per quelle che sono le "cartelle virtuali" come ad esempio la cartella "Cartelle Pubbliche" che non esiste fisicamente ma che rappresenta un nodo logico della gerarchia ed il cui nome viene generato in automatico dal Outlook nella lingua di Outlook stesso.